SEI IN: Ignora collegamenti di navigazione > Home page > Sostenibilità ed acqua > Le Acque SEM

Le Acque SEM

L’Acqua Minerale Naturale Monte Cimone
 
L'acqua Minerale Naturale Monte Cimone per il suo ridotto contenuto di sali minerali (residuo fisso a 180 °C uguale a 115 mg/l) è tra le acque oligominerali più leggere. Sgorga, microbiologicamente pura, a 935 m s.l.m., da sorgenti e pozzi di perforazione situati al centro di un vasto e suggestivo territorio montuoso nel cuore dell'Appennino Emiliano all'interno del "Parco Naturale dell'Alto Appennino Modenese" in un ambiente di quiete e assolutamente incontaminato.
La composizione salina e il pH di 7,5 ne rendono il gusto particolarmente gradevole e equilibrato. Per il suo basso contenuto di sodio (2,7 mg/l), come indicato dall'Università degli Studi di Bologna, l'acqua minerale naturale Monte Cimone si dimostra indicata per le diete povere di sodio e quindi utile complemento per le diete utilizzate nella prevenzione degli stati ipertensivi. Gli studi e le sperimentazioni cliniche e farmacologiche condotte presso l'Università degli Studi di Ferrara, ne hanno confermato, su base scientifica, sia le spiccate proprietà diuretiche dirette, sia gli effetti antinfiammatori e antitossici, indiretti che sono propri delle migliori acque oligominerali.

Curiosità
Per approfondire la conoscenza dell’Acqua Minerale Naturale Monte Cimone, Il Gruppo SEM ha condotto uno studio di geochimica, in collaborazione con l'Università di Trieste - Dipartimento di Scienze Geologiche Ambientali e Marine - Laboratorio di Geochimica Isotopica. Ne è emerso che l'acqua minerale naturale Monte Cimone permane nel sottosuolo per diversi anni prima di essere prelevata per l'imbottigliamento. Durante tale periodo l'acqua si arricchisce di sali minerali e si conserva allo stato puro. Lo studio ha confermato che l'acqua minerale naturale Monte Cimone è di origine profonda e protetta: caratteristiche che rivestono una notevole importanza in quanto circuiti profondi, vasti e con lungo tempo di permanenza dell'acqua nel sottosuolo offrono una massima protezione rispetto ai possibili processi di inquinamento sia di origine naturale che antropica.
 



L'Acqua Minerale Naturale Fonte Ventasso
 
L’acqua Minerale Naturale Fonte Ventasso sgorga, microbiologicamente pura, ad oltre 1000 metri sopra il livello del mare da sorgenti e pozzi situati al centro di un vasto territorio montuoso nel cuore del Parco Nazionale dell’Appenino Tosco Emiliano. Il bassissimo contenuto di nitrati e la bassa quantità di Sali minerali ( residuo fisso a 180° uguale a 162 mg/l) collocano l’acqua tra le acque oligominerali più leggere. Grazie a tale caratteristica, l’acqua è particolarmente utile per l’eliminazione dell’acido urico e la digestione. Il pH di 7.50 e la composizione salina ne rendono il gusto gradevole ed equilibrato.




L'Acqua Minerale Naturale Sorgente Angelica
 
L'acqua Minerale Naturale Sorgente Angelica è caratterizzata da un equilibrato contenuto di Sali minerali (residuo fisso a 180° uguale a 275 mg/l) ideale per chi preferisce le acque oligominerali senza rinunciare al beneficio dei Sali minerali indispensabili per una corretta alimentazione. L’acqua Sergente Angelica sgorga microbiologicamente pura a 605 metri sopra il livello del mare, da una perforazione situata nell’ambiente incontaminato dei monti Umbri a confine col Parco Naturale del Colfiorito.

Curiosità
La sorgente Angelica è conosciuta fin dagli inizi del XVI secolo per le sue evidenti qualità terapeutiche. Molti medici,chimici e fisici ne hanno apprezzato i benefici nel corso degli anni: Bernardino da Spoleto tra il 1509 e il 1512 ha sperimentato l’acqua e steso un lungo elenco di patologie curate; Annibale Camilli che nel 1601 ha scritto il primo trattato sull’acqua di Nocera compiacendosi di chiamarla “Angelica” per gli effetti curativi e divini “…potentissimo a morsi velenosi” e molti medici che nelle loro prescrizioni sono arrivati a dire “ se non giova a questo medicamento, portati al Bagno di Nocera che aiuta in maniera mirabile”. L’afflusso di visitatori che se ne andavano carichi di acqua diventò sempre maggiore. Iacobilli nel 1653 ha scritto“Quest’acqua per le sue mirabili virtù del continuo è frequentata in prenderla da infinite persone, ed è giornalmente cavata e condotta on solamente in Roma, Fiorenza, Milano e altri luoghi di Italia; ma anche in Germania, in Portogallo, in Costantinopoli e in altre regioni lontanissime; ricevendosi per tutto mirabili effetti per essa, e però è cognominata Acqua santa.
Illustri personalità quali Vincenzo Monti, Luigi Pirandello, e il principe Nicolò Pallavicini, frequentarono i Bagni di Nocera e rinomati studiosi come Alessandro Humboldt e Gay Lussac analizzarono le proprietà curative delle acque.
Nel 1998 venne realizzato lo stabilimento per l’imbottigliamento e avviata la commercializzazione dell’acqua nel cuore dell’Umbria. Le riconosciute capacità curative dell’acqua portarono le bottiglie di Nocera Umbra non solo sulle tavole degli Italiani ma anche in America e in India. La leonessa, logo ideato all’inizio della sua commercializzazione, simboleggia la salute ed ancora oggi appare su tutte le bottiglie prodotte.

 

 
L'Acqua Minerale Naturale Santa Lucia
 
L’acqua Minerale Santa Lucia proviene da un’area protetta ricca di vegetazione situata nel cuore della parte nord-est degli Appennini nella provincia di Reggio Emilia, a 914,4 metri sopra il livello del mare. Sono presenti due tipologie di acque di sorgente: pura, fresca, purificata e leggera, con solo il giusto contenuto di minerali. Queste due tipologie di acqua sono state imbottigliate e vendute sin dal 1935.

L’imbottigliamento
Tutte le operazioni di imbottigliamento delle acque del Gruppo SEM si svolgono in ottemperanza del più rigido Sistema di Gestione Igienico- Sanitario (HACCP), nel pieno rispetto delle caratteristiche originali dell’acqua. L’attività di imbottigliamento è svolta con l’ausilio di impianti ed attrezzature modernissime, con un ritmo produttivo in grado di competere con quello delle migliori aziende del settore.



L’Acqua Effervescente Naturale Clavdia
 
L’Acqua Effervescente Naturale Clavdia vanta origini molto antiche. Nel III secolo a.C., durante l’età repubblicana romana, veniva già utilizzata per le proprietà curative.
La sua Effervescenza Naturale, senza l’aggiunta di anidride carbonica, è l’ideale per stimolare la digestione, non appesantire e permettere un rapido recupero dell’attività sportiva, grazie anche ai due elementi di cui è maggiormente ricca, Stronzio e Manganese, e alla sua leggerezza, dovuta alla scarsa quantità di residuo fisso, uno dei più bassi tra tutte le acque effervescenti naturali prodotte nel Lazio.

Curiosità
Il complesso archeologico chiamato “Villa Romana dell’Acqua Clavdia” sorge nell’area circostante lo stabilimento di produzione di Acqua Clavdia, ad Anguillara Sabazia. La villa che ne parte risulta essere oggi uno dei monumenti più importanti della storia dell’architettura curvilinea romana. Attorno alla villa la vegetazione cresce ricca e rigogliosa grazie alla grande quantità di acqua presente nel sottosuolo. Il parco archeologico-naturalistica dell’Acqua Clavdia rappresenta un patrimonio storico di indubbio interesse e fascino.
www.parcoacquaclaudia.it